passione telefonica!

Galaxy S 3 – alcune personali considerazioni


 

Dopo l’immensa quantità di immagini, video, foto, presentazioni, primi test, primi benchmark ecc ecc ecc, è per me tempo di riordinare un pò le idee e tirare su le prime considerazioni dul nuovo Galaxy S 3 di Samsung, terminale più atteso (oltre all’iPhone 5) dell’anno.

Premetto che non ho avuto la possibilità di volare a Londra e di toccare con mano la terza evoluzione della serie Galaxy (dopotutto il mio è un semplice blog “passionale” con tutti i limiti del caso), ma chiacchierando con chi era lì e approfondendo vari punti con i lettori di vari siti e blog sono giunto a una prima generale conclusione:

Samsung ama Apple, a dismisura, tanto da arrivare a proporre quest’anno un Galaxy S che sa di iphone 3GS o iPhone 4S… Ovvero una “piccola” evoluzione su vari fronti, senza stravolgere e sopratutto senza stupire. Già… Senza stupire. Non ci vuole tanto a capire che il vero salto tecnologico è stato fatto l’anno scorso con il Galaxy S 2, seguito dal Galaxy Nexus no?

Lo smartphone presentato ieri sera quali “eclatanti” novità ha portato alla fine? Una. Il processore quad-core tanto atteso dai fan. Punto. Un processore che dona una grande potenza al terminale, e che per i prossimi mesi garantirà tranquillità a chi ama vivere di benchmark (anche se quest’anno la concorrenza si sta facendo sentire, e ho l’impressione che già in autunno il sorpasso a livello di performance arriverà senza problemi).

 

Ma per il resto?

 

Una fotocamera da 8 MPX (chi ha detto iPhone 4S?) all’avanguardia sì, ma sinceramente nel 2012 su un top di gamma almeno una 12 MPX potevano anche inserirla… Con un PureView da 41 MPX in arrivo sarebbe stato giusto e perchè no, un dovere nei confronti dei tanti clienti e fan presentare una 12 MPX coi controfiocchi.

 

1 GB di ram… Ora qualcuno potrebbe anche dire che sono ancora più che sufficienti ora come ora… Io dico no.

Se oggi LG ha presentato il suo Optimus LTE 2 con ben 2 GB di ram un motivo ci sarà… Oltre a voler stupire la clientela e il mercato, forse (una volta tanto) LG ha capito che nei mesi a venire (e con l’eventuale arrivo di Jelly Bean) le risorse richieste per giochi, app e web potrebbero aumentare. Anche se non fosse così resta comunque una certa tranquillità nel sapere che il prodotto non risentirà di crolli di performance dovuti a più app aperte in contemporanea, e la navigazione web resterà sempre su alti livelli.

Ecco, perchè Samsung non ha stupito con 2 GB di ram per la sua nuova punta di diamante?

 

Parliamo di materiali?

Dopo svariati rumors che per più mesi si son susseguiti, parlando di nuovi design ultra futuristici, materiali ceramici, cornici finissime attorno allo schermo ecc ecc… Il terminale si presenta nella classica plastica, a quanto pare (detto da chi era a Londra) delicata oltretutto. Una cornice metallica in puro stile Nokia (serie N) scorre attorno al terminale donandogli un pò di personalità, che viene di colpo a mancare nella parte posteriore, dove una cover di plastica leggerissima e anonima lascia spazio al forellino della fotocamera, a un piccolo flash (almeno due, un flash allo xenon sarebbe stato troppo mi sà) e alla griglia dello speaker.

La parte frontale presenta ancora un tasto principale e un paio di tasti touch… Come mai una scelta simile dopo aver prodotto il Galaxy Nexus assieme a Google, eliminando il tutto e portando i tasti funzione direttamente su schermo? Quella si che era stata vera innovazione a parer mio, e ancora oggi rimane un tocco di classe non da poco. Mah… De gustibus…

 

Lo Schermo è lo stesso del Galaxy Nexus, HD e Pen Tile… Sempre un signor schermo, nulla da dire, ma di sicuro ci si aspettava (stiamo parlando di una delle migliori società mondiali del settore) quel “plus” che non si è fatto vedere…

 

L’impressione che ne ricavo alla fine è di un progetto nato dal Galaxy Nexus, e modificato quanto basta per invogliare molti all’acquisto. Lo avrei chiamato Galaxy S 2 Plus o HD insomma… Il nome Galaxy S 3 sfigura un pò, se confrontato al salto del Galaxy S 2 rispetto al primo Galaxy S un anno fà.

 

Le critiche son finite, tranquilli.

 

Ma alla fine che resta di buono?

Per rimanere in ambito hardware oltre al processore fa piacere vedere che Samsung ha mantenuto la possibilità di estrarre la batteria, e per il fatto che sia ancora possibile inserire una benedetta micro sd.

La società con questo nuovo modello ha imboccato la via dell’ottimizzazione software, proponendo varie novità che sicuramente faranno la differenza nell’utilizzo quotidiano rispetto alla concorrenza.

Il riconoscimento vocale porta sicuramente grandi benefici, vedremo se sarà veramente ben implementato e se funzionerà a dovere. Quel che è certo è il fatto che Samsung abbia preso spunto da Siri e in poco tempo abbia superato senza troppi problemi Apple, proponendo il suo software preinstallato già in diverse lingue. Altra cosa certa saranno le battaglie legali in arrivo tra le due società a causa di questa nuova funzione… Prepariamoci al tormentone invernale.

Aggiungiamo poi il mirroring video (utilissimo se vogliamo giocare, vedere film o immagini dal telefono alla televisione sia via wi-fi che via cavo), la ricarica wireless, un browser web che come sempre da la birra a tutta la concorrenza e tanti altri particolari e il gioco è fatto.

 

Se il Galaxy S 3 ha perso punti in hardware e design (nei confronti di chi si aspettava un bel salto in avanti), li riguadagna nell’usabilità.

 

Resta da vedere comunque un fattore importantissimo, che fino ad ora è passato abbastanza inosservato… Le qualità telefoniche vere e proprie del terminale: ricezione, aggancio, consumo, qualità della conversazione e molto altro ancora, cose che per me fanno la vera differenza. La speranza è che si sia fatto un passo in avanti rispetto agli alti e bassi del precedente modello.

 

Con questo è tutto per ora.

Tra meno di un mese il Galaxy S 3 arriverà nei mercati europei e finalmente si potrà capire se alla fine dei conti varrà davvero la pena fare il salto o se sarà il caso di restare in attesa dei futuri modelli.

 

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.